La Sardegna non è solo cibo, artigianato e mare, c’è altro

da | Mar 31, 2017 | Cultura e artigianato | 0 commenti

Quando si pensa alla Sardegna si pensa al cibo, all’artigianato, al mare. Ma non c’è solo questo e anzi, tutto questo ha dietro un mondo da scoprire. Un mondo che AIPSA Editrice può svelare.

I luoghi comuni sulla Sardegna

Sardegna terra di spiagge, mare cristallino, maialetto e culurgiones, mirto, vino, cesti e mamuthones. Vero, verissimo, ma non è tutto qua, e anche questi luoghi comuni hanno alle spalle tanta cultura che la Sardegna si porta dentro. Tradizioni antiche come la sua terra, non sempre limpide come il suo mare, credenze e storie di vita che hanno forgiato le peculiarità dei sardi. L’isolamento geografico ha avuto un ruolo determinante, facendo sì che la storia della Sardegna andasse per il proprio binario, alternando la resistenza alle intrusioni con l’integrazione di conoscenze esterne. Il risultato siamo noi, quelli che molti pensano di conoscere. Con il passato che ci sta a guardare.

Le tradizioni

Le tradizioni sarde sono legate a superstizione e lavoro nei campi, come tutte le culture contadine. Il raccolto che di anno in anno variava in qualità e quantità, le malattie del bestiame, le difficoltà di una natura incontrollabile, hanno portato i sardi a credere nei riti per attirare la benevolenza degli dei. Ma l’osservazione della natura ha dato agli agricoltori e allevatori sardi una conoscenza profonda della natura, nel tempo confermata o smentita dalle nozioni scientifiche. Eppure le tradizioni e le false credenze lasciano il segno, resistono al tempo mantenendo vivo l’attaccamento di un uomo al proprio passato e alla propria terra. Attaccamento che è tanto più forte quanto più grande è l’isolamento.

La storia della Sardegna

La Sardegna ha un passato da raccontare oltre le tradizioni. Storie di vita di personaggi che hanno influenzato l’evoluzione economica, politica e culturale di questa terra. Gli alti e i bassi, tra banditismo e successi, formano un intreccio che, conoscendolo, spiega tante cose sul sardo. E in Sardegna ci sono tante testimonianze, passate e presenti, della cultura di un popolo non più isolato, ma che continua a mantenere forte, dentro di sé, un’appartenenza tenace, resistente alla durezza della realtà quotidiana.

Le storie della Sardegna

Per leggere una storia è necessario aprire un libro. Perché è importante la lettura come fonte di apprendimento, di conoscenza. Noi sardi siamo i primi a dover leggere di noi stessi, ma è bello esportare e far conoscere fuori dalla Sardegna chi siamo. Questo fa AIPSA, casa editrice cagliaritana, per la quale in questi giorni stiamo provvedendo a rimpolpare la vetrina. Quaderni di storia, tempi moderni, ricordi, tutto in pagine di cultura della Sardegna e dei popoli che l’hanno influenzata. La sezione libri contiene solo narrativa e letteratura sarda. Alcuni sono anche in versione ebook, diavoleria moderna ma molto importante per la diffusione della lettura. Tornate a trovarci se siete curiosi, l’intero catalogo AIPSA è in arrivo. E per la musica ci stiamo attrezzando.

Sei un visitatore?

Visita il Centro Commerciale Virtuale (CCV)

Sei un operatore professionale?

Scopri cosa abbiamo pensato per te